Antichi Proverbi


Le ricerche svolte ci hanno dimostrato che la saggezza dei nostri avi ha un evidente legame con l’economia agricola di un tempo, con quei mestieri e con quel territorio che noi giovani stiamo riscoprendo e valorizzando con amore e caparbietà.Il territorio ibleo e le sue peculiarità rappresentano il fulcro da cui partire per una nuova rinascita pertanto ci siamo chiesti come conoscere a fondo l’anima di questo popolo. Sicuramente i proverbi ne rivelano l’indole, il modo di pensare e di agire; partendo da questa constatazione dedichiamo una sezione alla semplice enumerazione dei proverbi del territorio ibleo per mantenerne viva la memoria.
A ragghiuni è rê schecchi
Gli asini hanno sempre ragione
Rossa comu na crueda
Grossa come una cesta
Nall’aria comu ‘i balluna
Sentirsi in aria come un pallone
Parrari picca e vestiri ‘i pannu, mai a nudu ha fattu dannu
Parlare poco e indossare indumenti modesti non ha mai recato male a nessuno
A maravigghia è comu campamu
Mi meraviglio di essere ancora in vita
‘Na paghia mi curcu
lett. mi corico sulla paglia, metaforicamente si intende “non so nulla”
Marzu pazzu
Il mese di marzo è pazzarello per via dei numerosi cambiamenti climatici
Cu saluti e figghi masculi!
Auguri e figli maschi!
Iavi a nasca additta
lett. ha il nasino all’insù, metaforicamente si intende una persona superba
Acqua, cusigghiu e sali se nun su addumannati nun dari
Non bisogna dare acqua, consigli e sale se non sono richiesti
Miatidu idu!
Beato lui
Aviri la manu
Saper fare
Tannu è veru Carnevali quannu si cuociunu i maccarruna cu l’accua ro canali
Il Carnevale arriva quando si cucinano i maccheroni
Mpariti e pierditi
Chi impara il mestiere molto spesso si mette in proprio
Sparagna la farina mentri la cascia è china
Risparmia la farina quando è in abbondanza
Cu leva u pani o nutaru u leva e sa figghi
Chi non utilizza i servigi del notaio sacrifica il futuro dei propri figli
Annata ricca, massaru cuntentu
Quando il raccolto è abbondante il contadino è contento
Cu simina vientu, ricogghi timpesta
Chi semina vento raccoglie tempesta
Li sordi fanu veniri a vista all’uorivi
lett. il denaro dà la vista ai ciechi, metaforicamente significa che il denaro invoglia anche i meno capaci
Accua passata num nacina mulinu
Non bisogna fare spropositi nei momenti di nervosismo poiché quando passano ci si dimentica di tutto
Nun si campa ri sulu pani
Non si vive di solo cibo
‘Ntuozzu ri pani nun zi neja mancu o cani
Un tozzo di pane non si nega a nessuno
Cu’ ‘n appi n’appi re cassati ‘i Pasqua
lett. chi ne ha avuto delle cassate di Pasqua, metaforicamente significa “a cose fatte, è inutile discutere”
Pani schittu, cala rittu
lett. pane senza companatico va giù facilmente, metaforicamente significa che chi è affamato non ha motivo di fare lo schizzinoso
U travagghiu è mienzu e spini
Il lavoro ha le sue difficoltà
A robba vanniata è menza vinnuta
La merce pubblicizzata è in parte già venduta
Cu’ si fa piecura u lupu sa mancia
lett. chi si fa pecora il lupo se la mangia, metaforicamente significa che chi si mostra debole è soggetto ai soprusi di tutti
A gghiugnu ‘a fauci ntô pugnu
A giugno si utilizza la falce per la mietitura
Pigghia l’arti e mettila ri parti
Impara un mestiere e mettilo da parte
A pignata vardata nun vugghi mai
Se si osserva l’acqua dentro una pentola essa non bolle mai
Cu nunn’a po muttari a ‘rruozzila
Non potendola spingere la fa rotolare
Mettiri u pani o liettu
lett. mettere il pane a letto, espressione usata durante la lievitazione del pane
Pani e figghi si ni fan uri cientu e sumigghi
Le forme del pane, come i figli, sono tutti diversi
Uocciu ca ci sugnu macari iu
Stai attento perché ci sono anch’io
Beda comu o suli
Bella come il sole
Ne jabbu ne maravigghia
Non bisogna meravigliarsi di nulla poiché può succedere a tutti
Cu nesci arrinesci
Chi si allontana dalla propria città ottiene buoni risultati professionali
Fai beni e scordatillu, fai mali e pensaci
Quando fai del bene dimenticalo, quando fai del male ricordalo sempre
Circari u pilu nall’uovu
lett. cercare il pelo nell’uovo, metaforicamente si riferisce alla pignoleria di un individuo
Cu mancia fa’ muddichi
Chi mangia fa molliche
Pigghiari lana a scarminari
lett. pigliare lana a cardare, meteforicamente “chi si occupa di cose che non gli spettano”
Marzu, n’ ti moviri ro jazzu
A marzo restatene al calduccio nel tuo letto
Manciari u cuottu e u scuottu
Chi consuma interamente i suoi averi
So manciau nnê robbi
Ricoprire una persona di insulti
Cu’ vo’ a Cristu so preia
lett. chi vuole Cristo se lo prega, metaforicamente significa che chi aspira a raggiungere qualche meta deve sforzarsi per ottenerla senza aspettare l’aiuto altrui
Si casa e putia!
lett. essere casa e bottega, metaforicamente ci si riferisce a chi non si concede divertimenti ma si occupa solo del lavoro e della famiglia
Mi manca u tirrinu sutta ê pieri
lett. mancare il terreno sotto i piedi, metaforicamente significa sentirsi a disagio
Ristau poveru e pazzu!
Perdere tutto
Rommiri cchê pugna nall’uocci
Dormire senza preoccupazioni
Rarisi a zappa supra ê pieri
Darsi la zappa sui piedi
Tantu hai e tantu vali
Vali quanto possiedi
Tocca fierru!
Toccare ferro come gesto di scaramanzia
Aviri setti spiriti comu ê jatti
Avere sette spiriti come i gatti ovvero essere forte
Fa’ comu ‘n-lapardieri
lett. fare come un alabardiere cioè un soldato addetto alla guardia della contea di Modica, metaforicamente è riferito a chi interviene in maniera irruenta per esprimere il proprio punto di vista
Ri Natali a Santu Stefunu
lett. da Natale a Santo Stefano, metaforicamente si intende un brevissimo lasso di tempo
Chidu munna niespuli
lett. sgusciare nespole, metaforicamente significa “non fare nulla di importante”

Seguici su Instagram

Istituzionali